Seguici:

BC13. Le sostanze naturali sotto la lente del microscopio: scopriamo insieme i loro effetti

Malattie: dalla biologia alla clinica   

Introduzione:

Negli ultimi anni si riscontra un notevole aumento dell’utilizzo da parte della popolazione di prodotti naturali di diversa origine, provenienti dal mondo animale o vegetale , e presenti sul mercato perlopiù come integratori alimentari, ma impiegati anche come supporto di terapie tradizionali. Tappa fondamentale di tutto il processo che porta alla commercializzazione di un prodotto è la cosiddetta “sperimentazione in vitro”, una serie di studi atti a valutare gli effetti biologici di tali sostanze, la loro sicurezza e i possibili effetti benefici.
In questo percorso gli studenti conosceranno i principi di base dell’impiego delle colture di cellule umane e animali come strumento fondamentale della sperimentazione in vitro utile a chiarire il meccanismo di azione di un certo prodotto, la sua efficacia come potenziale farmaco e la sua eventuale tossicità. E’ bene infatti ricordare che anche se “naturali” i prodotti non sono automaticamente esenti da possibili effetti dannosi per la salute dell’uomo. In questo percorso verrà data particolare importanza al concetto di “rigorosità del metodo scientifico”, cioè quel metodo che garantisce la solidità, l’affidabilità e la ripetibilità dei risultati sperimentali in vitro, punto di partenza per i successivi studi preclinici nell’animale e clinici nell’uomo. Inoltre, gli studenti impareranno i principi di base della microscopia ottica ed elettronica e l’utilità delle osservazioni in microscopia per comprendere e valutare i possibili effetti del trattamento con sostanze naturali su cellule normali e/o tumorali.

In pratica:

Saranno eseguiti esperimenti in cui cellule umane in coltura verranno trattate in condizioni di sterilità con fitocomplessi e/o alcuni principi attivi estratti dal mondo vegetale. Gli effetti di tali trattamenti saranno valutati tramite test funzionali e osservazioni in microscopia ottica (contrasto di fase ed immunofluorescenza confocale) ed elettronica (microscopia a scansione). A questo scopo gli studenti, seguiranno le fasi di preparazione/colorazione idonee per l’osservazione dei campioni . Verrà effettuato uno studio delle immagini digitali e la loro elaborazione con software dedicati. Gli studenti parteciperanno alla stesura di un elaborato scientifico finale in cui verranno riportati le metodologie impiegate e i risultati ottenuti negli esperimenti effettuati nel percorso.

Competenze acquisite:

Capacità di conoscere e utilizzare il linguaggio scientifico; interpretare correttamente l’informazione acquisita per comunicarla in modo chiaro ed efficace; collaborare alla progettazione sperimentale e all’analisi dei dati applicando il metodo scientifico galileiano; agire in modo autonomo e responsabile; risolvere problemi; individuare collegamenti e relazioni; utilizzare gli strumenti informatici.

Tutor referente:

Annarita Stringaro

Torna all'inizio dei contenuti