Seguici:

BC07. Medicina genere-specifica, una nuova frontiera della medicina: dalla teoria alla pratica di laboratorio

Malattie: dalla biologia alla clinica   

Introduzione:

La ricerca biomedica ha dimostrato che gli uomini e le donne, pur essendo soggetti alle medesime patologie, presentano significative differenze riguardo la suscettibilità, incidenza, sintomatologia, prognosi, progressione e risposta alla terapia nonché riguardo la percezione personale e sociale e le strategie di adattamento alla salute/malattia. E’ quindi necessario ridefinire la medicina ponendo attenzione alle differenze di genere. L’applicazione clinica di questo tipo di attenzione ha preso il nome di “medicina genere-specifica”, una dimensione innovativa delle scienze biomediche che studia l’influenza del sesso (caratteristiche biologiche) e del genere (caratteristiche socio/culturali) sullo stato di salute e di malattia.
La medicina genere-specifica si propone di garantire a ogni individuo l’appropriatezza nella prevenzione, nella diagnosi e nella cura ed è rivolta a considerare le malattie comuni a uomini e donne che presentano rilevanti differenze tra i due sessi. La medicina genere-specifica considera oltre le somiglianze e le differenze fenotipiche della persona, i determinanti di salute che dipendono dagli stili di vita quali fumo, alcol, alimentazione, attività fisica, peso corporeo, contesto socio-culturale e ambientale, poiché anche questi fattori condizionano lo sviluppo, l’evolversi della malattia, la possibilità di accedere alle cure e la risposta alle stesse.
In questo percorso gli studenti apprenderanno i concetti fondamentali, gli obiettivi ed i vantaggi della Medicina genere-specifica. Esperimenti di laboratorio permetteranno agli studenti di verificare la diversità di genere in ambito biologico, utilizzando modelli cellulari derivanti da organismi di sesso diverso. Inoltre gli studenti parteciperanno alla diffusione della cultura di genere attraverso l’elaborazione di strumenti comunicativi indirizzati a studenti e alla popolazione.

In pratica:

Le attività di laboratorio prevedono il coinvolgimento degli studenti nella esecuzione di esperimenti di biologia cellulare e molecolare per lo studio delle differenze nella risposta di cellule derivate da organismi di sesso diverso a specifici trattamenti. I risultati ottenuti verranno discussi e presentati in una relazione finale. Gli studenti elaboreranno inoltre un opuscolo divulgativo per diffondere i principi di base, gli obiettivi e i vantaggi della Medicina genere-specifica.

Competenze acquisite:

Capacità di conoscere e utilizzare il linguaggio scientifico; interpretare correttamente l’informazione acquisita per comunicarla in modo chiaro ed efficace; collaborare alla progettazione sperimentale e all’analisi dei dati applicando il metodo scientifico galileiano e l’approccio statistico (se utilizzato); agire in modo autonomo e responsabile; risolvere problemi; individuare collegamenti e relazioni; utilizzare gli strumenti informatici (se presenti).

Tutor referente:

Marina Viora

Torna all'inizio dei contenuti