Seguici:

BC06. Prevenzione delle patologie nutrizionali: dalle linee guida per una sana alimentazione ai modelli cellulari in vitro per lo studio dell’effetto dei nutrienti sulla salute

Malattie: dalla biologia alla clinica   

Introduzione:

L’alimentazione è una necessità primaria di ogni organismo, tuttavia l’assunzione errata di alimenti, sia nella quantità che nella qualità, può essere uno dei fattori principali nella determinazione di stati patologici. In questo percorso verranno illustrate le malattie legate all’alimentazione, sia quelle trasmissibili (batteriche, virali o parassitarie) che quelle non trasmissibili (malattie causate da carenza di nutrienti, da eccessi alimentari, malattie cronico-degenerative, allergiche, malattie su base genetica o psichiatrica), approfondendo in particolare il problema della celiachia. La celiachia e’ una malattia infiammatoria permanente che colpisce l’intestino tenue ed e’ scatenata, in soggetti geneticamente predisposti, dall’ingestione di glutine, un complesso proteico contenuto nei cereali di frumento, orzo e segale. Nei celiaci il glutine scatena una reazione autoimmune con produzione di anticorpi che possono danneggiare gravemente il tessuto intestinale, provocando un’alterazione dell’assorbimento di nutrienti e micronutrienti importanti per la salute umana. Gli studenti che parteciperanno al percorso impareranno quali sono i modelli cellulari utilizzati dai ricercatori per valutare gli effetti dei nutrienti sulla salute e quali sono e come si studiano le differenze funzionali tra cellule sane e cellule malate.

In pratica:

Verranno applicate tecniche di biologia molecolare cellulare e saggi biochimici per l’allestimento di colture cellulari, il loro trattamento e l’analisi delle differenze funzionali tra cellule sane e cellule malate. I risultati ottenuti verranno discussi, anche alla luce delle evidenze sperimentali presenti nella letteratura scientifica, e presentati in una relazione finale.

Competenze acquisite:

Capacità di conoscere e utilizzare il linguaggio scientifico; interpretare correttamente l’informazione acquisita per comunicarla in modo chiaro ed efficace; collaborare alla progettazione sperimentale e all’ analisi dei dati applicando il metodo scientifico galileiano e l’approccio statistico (se utilizzato); agire in modo autonomo e responsabile; risolvere problemi; individuare collegamenti e relazioni; utilizzare gli strumenti informatici (se presenti).

Tutor referente:

Olimpia Vincentini

Torna all'inizio dei contenuti